IL PALAZZO

Palazzo Barolo non è solo è il luogo da cui ha avuto inizio l’Opera Pia Barolo, ma anche uno dei più significativi e meglio conservati esempi di dimore nobiliari della Torino barocca aperte al pubblico.

L'edificio occupa, quasi completamente, un intero isolato in via delle Orfane, fino a Piazza Savoia. Fu costruito alla fine del Seicento da Gian Francesco Baroncelli come ristrutturazione della casa già posseduta dal Conte Ottavio Provana di Druent, «primo scudiero» e «gran guardarobiere» di Vittorio Amedeo II di Savoia. Nel palazzo abitarono l'unica figlia del conte Ottavio, Elena Matilde, con il marito, marchese GerolamoGabriele Falletti di Barolo. Nel 1727 l’edificio passò in eredità a Ottavio Giuseppe, loro primogenito, che intorno alla metà del Settecento ne affidò la modifica a Benedetto Alfieri per adeguarlo al gusto rococò. Il Palazzo è stato la residenza della famiglia Falletti fino agli ultimi Marchesi di Barolo, i coniugi Tancredi e Giulia.

Elementi salienti dell’architettura del Palazzo, la facciata, l’atrio e lo scalone a forbice, realizzati a partire dal 1692 su progetto dell’architetto Gian Francesco Baroncelli.

All’interno è possibile ammirare il salone centrale al piano nobile - prestigioso ambiente che presenta una volta dipinta da Mattia Bortolini - l’ala Alfieriana (Sala Mozart, Sala degli Specchi e Salottino cinese), l’appartamento di Silvio Pellico e l’appartamento ottocentesco dei Marchesi. Quest’ultimo, collocato nell’“ala nuova”, è costituito da quattro sale – sala del biliardo, anticamera azzurra, camera da letto e gabinetto – caratterizzate da soffitti a scomparti, volte affrescate, dipinti ad olio, boiseries e ricchi apparati decorativi.

Il ritrovato splendore di Palazzo Barolo è frutto anche dei lavori di restauro degli appartamenti posti al piano nobile. Avviati nel 2012 con l’impostazione metodologica e il coordinamento tecnico-scientifico della Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte, sono stati possibili anche grazie al finanziamento della Compagnia di San Paolo e della Fondazione CRT (affresco Alcova) e hanno riguardato i manufatti più degradati presenti negli appartamenti.  

Grazie all’impegno dei volontari, il palazzo è aperto al pubblico. Frequentemente ospita mostre ed eventi artistici.

Visite per le scuole: Palazzo Barolo scuole.pdf

Orario di visita

lunedì: chiuso;

martedì - venerdì: 10.00 - 12.30, 15.00 - 17.30;

sabato e domenica: 15.00 - 18.30.

La biglietteria chiude un'ora prima

Si informa che l'accesso al Palazzo è previsto in gruppi guidati dagli operatori del museo nei seguenti orari:

martedì - venerdì: 10.30, 11.30, 15.30 e 16.30;

sabato, domenica e festivi: 15.30, 16.30, 17.30.

Biglietto d’ingresso:

Biglietto per gli appartamenti storici: Intero € 5.00 - Ridotto € 3.00

Biglietto per l'esposizione "Oltre lo specchio. Società e costume nel ritratto fotografico ottocentesco": € 5.00

Biglietto cumulativo Palazzo e mostra: € 8.00

Ingresso gratuito per i possessori dell'Abbonamento Musei Piemonte

Prenotazione obbligatoria per gruppi e scuole (minimo 10).

Per prenotazioni e informazioni contattare il museo: T. 338 169 1652 - palazzobarolo@arestorino.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle attività si può aderire alla nostra newsletter scrivendo a : palazzobarolo@arestorino.it

Chiusure festività annuali:

1 Gennaio, 24 Dicembre, 25 Dicembre,  31 Dicembre. Sono possibili ulteriori chiusure o aperture straordinarie durante l’anno.

 

  • PROSEGUIMENTO ATTIVITA' ED APERTURA UFFICI

    In osservanza al DCPM 9 marzo 2020 relativo all'emergenza sanitaria in corso, Vi comunichiamo che gli uffici della sede di Via Delle Orfane 7 a Torino rimarranno chiusi fino ad ulteriore comunicazione. Le attività principali del nostro Ente continueranno ad essere svolte tramite smart working in orario ridotto dal lunedì al venerdì in orario 9-13.  Seguiranno ulteriori comunicazioni in base all'evolversi della situazione.  
  • POP-APP 2020. CONVEGNO INTERNAZIONALE E INIZIATIVE SUL LIBRO ANIMATO

      Siamo lieti di presentarvi POP-APP 2020, un programma integrato di iniziative di valorizzazione del patrimonio culturale dei libri animati, prosecuzione del progetto avviato nel 2017 dalla Fondazione Tancredi di Barolo in collaborazione con Sapienza Università di Roma. Il programma prevede: il Convegno POP-APP. International Conference, che si terrà giovedì 27 e venerdì 28 febbraio 2020 a Palazzo Barolo, Torino l’avvio del Centro Studi POP-APP e della rivista online “Journal of Interactive...
  • "IL CARCERE TRA FATICHE, SPERANZE E PROGETTI DI RISCATTO" MERCOLEDÌ 12 FEBBRAIO ALLE ORE 16.00 - PALAZZO BAROLO

      Nella giornata di mercoledì 12 febbraio alle ore 16 si terrà la presentazione del cortometraggio "LA MADRE E IL SUO PRINCIPE" di Roberto Agagliate. Ispirato a una fiaba Rom, il cortometraggio, è parte del percorso realizzato dalle ACLI di Torino, come supporto alla relazione di un gruppo di giovani madri detenute presso la Casa Circondariale “Lorusso e Cutugno” – ICAM di Torino, dove vivono con i propri figli 0-6 anni. Il compito dell’essere madre. A seguire:  LA SOCIETÀ CIVILE CHE OPERA IN CARCERE: ESPERIENZE DI...
  • RASSEGNA SINGOLARE E PLURALE 2020 PARI, POLO DELLE ARTI RELAZIONALI E IRREGOLARI E INGENIO ARTE CONTEMPORANEA UN PROGETTO DI CITTÀ DI TORINO E OPERA BAROLO A CURA DI ARTENNE E FORME IN BILICO

      Due mostre e laboratori  da domenica 9 febbraio a martedì 10 marzo  MARGINI e QUELLO CHE SOGNANO I LUPI  a cura di Roberto Mastroianni e Tea Taramino  inaugurazione sabato 8 febbraio dalle 18 alle 20  Durante l'evento sarà possibile partecipare al progetto Cartografia Umana di e con Alessia Panfili, Alessandra Atzori, Monica Olivieri e Milena Tipaldo e assistere a una live painting con Mrfijodor.  Entrambe le mostre - anche se con modalità diverse - indagano e restituiscono attraverso l'arte quello che avviene sui...
  • OLTRE LO SPECCHIO SOCIETÀ E COSTUME NEL RITRATTO FOTOGRAFICO OTTOCENTESCO DAL 1° FEBBRAIO AL 5 APRILE 2020 A PALAZZO FALLETTI DI BAROLO

      La mostra illustra la vivace società italiana del XIX secolo, partendo dai ritratti fotografici, rappresentazioni realistiche, veri e propri pezzi di storia. Abiti, occhiali e oggetti preziosi arricchiscono il percorso espositivo, riflesso dei simboli ritratti nelle fotografie. Nessun genere si sviluppò quanto il ritratto fotografico, divenendo parte del costume e indice di una cultura sociale e politica. Il successo fu tale che la sua invenzione decretò un progressivo ampliamento della visibilità culturale e politica delle classi più...
  • SESTO CONCERTO DI REGIE SINFONIE - PALAZZO FALLETTI DI BAROLO

    Dopo il trionfale concerto del 17 dicembre che ha chiuso la terza edizione di Intrecci Barocchi, con I Musici di Santa Pelagia che hanno eseguito con l’Academia Montis Regalis, l’Accademia Corale Stefano Tempia e il Coro Maghini il Messiah di Georg Friedrich Handel sotto la direzione di Antonio Florio, sabato 25 gennaio 2020 alle ore 17 nel Salone d’Onore di Palazzo Barolo (ingresso da Via Corte d’Appello 20) la quattordicesima edizione di Regie Sinfonie inaugura l’anno nuovo con il...
  • POLO DELLE ARTI RELAZIONALI E IRREGOLARI: PRESENTAZIONE DELLA MONOGRAFIA DI LUIGI CURCIO

    Mercoledì 13 novembre alle ore 17.30, presso le Cantine di Palazzo Barolo, verrà presentata al pubblico la monografia di Luigi Curcio “LA CONQUISTA DEL MIO CORPO È IL MIO TRAGUARDO“. Sarà presente l’artista, interverranno Roberto Mastroianni, Tea Taramino e Federica Massolo.   Luigi Curcio  unisce modalità espressive classiche e innovative, linguaggi antichi e contemporanei, attraversando la pittura figurativa e astratta, per dar forma sculture, vetrate, og­getti, dipinti, installazioni che sono da considerarsi...
  • A-COLLECTION A PALAZZO PAROLO

    L’Arte e l’Economia  circolare Prima tappa internazionale di A Collection: stupendi arazzi d’artista realizzati in plastica riciclata dal Maestro tessitore Giovanni Bonotto   Parte da Torino, in occasione dell’Art Week, il 31 ottobre (fino al 15 dicembre) la prima tappa di presentazione internazionale  di A Collection, un grande progetto che intreccia la ricerca contemporanea di giovani, ma affermati artisti del panorama italiano alla visione creativa delle nuove tecniche di tessitura. Il progetto prende forma in 10+1 affascinanti...