L'OPERA

 

Antonio CanovaSaffo (Erma di Saffo), 1819 – 1820, marmo, cm 49 x 24,5 x 27. Torino, Galleria Civica d’Arte Moderna.

L’Erma di Saffo fu scolpita dal Canova su commissione del marchese Tancredi Falletti di Barolo per il Palazzo nobiliare di Torino.

 

Palazzo Barolo e il collezionismo dei Marchesi

Carlo Tancredi Falletti di Barolo (1782-1838) e Giulietta Francesca Colbert di Maulévrier (1786-1864), furono amanti, cultori e collezionisti dell’arte, si dedicarono essi stessi alla pittura e alla poesia, lasciando un cospicuo fondo di dipinti, disegni, schizzi e bozzetti ora in parte conservati nell’Archivio della Famiglia Falletti e in piccola parte esposti a Palazzo Barolo. 

Carlo Tancredi mutuò l'amore per l'arte e le lettere dal padre, il marchese Ottavio Alessandro, che tra il 1801 e il 1810 fu direttore della classe di Lettere e Filosofia dell'Accademia Nazionale (già Regia Accademia delle Scienze di Torino). Fu anche un convinto assertore della necessità di garantire anche alle fasce più deboli della popolazione un'istruzione di base, concepita come strumento per migliorare la qualità della vita. Con particolare attenzione per l'insegnamento dell'arte: fu infatti promotore dell'apertura di alcune scuole di disegno applicato alle arti e ai mestieri e in particolare a Varallo Sesia sostenne la Società d'incoraggiamento per lo studio del disegno in Valsesia, fondando egli stesso nel 1837 il Laboratorio di scultura in legno, il cui scopo era quello di aiutare i giovani del luogo a perfezionare il loro talento artistico.

Anche la moglie Giulietta, esponente di un nobile casato vandeano, ricevette un'educazione raffinata in cui ebbe molta parte la conoscenza e lo studio dell'arte. Entrambi furono anche esperti collezionisti di opere d'arte e oggetti archeologici che spesso acquistavano durante i loro viaggi in Italia e in Europa: dagli inventari della successione della marchesa Giulietta emerge infatti in modo chiaro come sia le stanze di Palazzo Barolo sia quelle della villa di campagna, sita sulla collina di Moncalieri, fossero arredate con gusto e custodissero pezzi realizzati anche da artisti famosi. Tra tutti si possono citare l'erma di Saffo del Canova e la Madonna col Bambino del Sassoferrato, entrambe donate alla Città di Torino e 45 dipinti furono donati alla Reale Pinacoteca (l’attuale Galleria Sabauda) e circa 40 tra bronzi, marmi e reperti archeologici furono donati in seguito alla Città e sono ora al Museo Civico d’Arte Antica e al Museo di Antichità. 

 

David Tremlett, Wall Painting, 2015, affreschi nelle sale e nei soffitti dei corridoi dell'Housing Giulia (dettaglio)

 

La collezione di arte contemporanea

L'Opera Barolo dal 2010 ha avviato la collezione di arte contemporanea con opere e interventi degli artisti con cui collabora nel proprio Distretto Sociale - cittadella della solidarietà, attiva dal 1823, e nei propri poli educativi, attivi dal 1837. Autori riconosciuti e dal profilo internazionale con i quali l'Ente conduce o ha condotto percorsi sulle sfide della contemporaneità: sostenibilità, economia circolare, salute, diritti, genere, vulnerabilità umana e sfera pubblica.

Artisti e luoghi: Hiroaki Asahara (Scuola S. Anna di Moncalieri), Maura Banfo (Palazzo Barolo), Michele Munno (Housing Giulia), Jhafis Quintero (Palazzo Barolo e Scuola S. Anna di Moncalieri), David Tremlett (Housing Giulia e Palazzo Barolo)Edoardo Tresoldi (Housing Giulia), Massimo Barzagli (Housing Giulia), Mimmo Jodice (Palazzo Barolo), Franco Fontana (Palazzo Barolo).

Una seconda collezione del contemporaneo a cura del PARI, Polo delle Arti Relazionali e Irregolari - in collaborazione con la Città di Torino, le associazioni Arteco, Artenne e Forme in bilico - presenta le arti che nascono da sensibilità speciali, irregolari e outsider, come: Caterina Marinelli, Rosaria Carpino e Massimo Turato (Housing Giulia).

Opere tutte che concorrono a quella ristrutturazione di senso – fisica e simbolica – dello spazio quotidiano degli ospiti e del percorso dei visitatori.

  • “ANDY WARHOL Super Pop Through the lens of Fred W. MCDARRAH” - Dal 20 Novembre 2021- PALAZZO BAROLO

      La mostra offre uno sguardo intimo e curioso su uno degli artisti simbolo del XX secolo. Per conoscere genio, creatività ed innovazione del padre della Pop Art, capace di influenzare l’arte ed il pensiero della società contemporanea.  L’esposizione, attraverso un’appropriata contestualizzazione storica, presenta la vita e la ricca produzione artistica di Andy Warhol, a partire dai primi esplosivi anni ‘50 e ‘60, fino agli anni ‘70 nella Grande Mela. Warhol ha saputo trasformare con la sua visione innovativa la...
  • EMILIO FANTIN, RISVEGLI THE LIGHT OF DARKNESS - dal 26 ottobre al 8 dicembre - PALAZZO FALLETTI DI BAROLO

    Emilio Fantin, Risvegli The light of darkness A cura di Gabi Scardi con Katherine Desjardins   Mostra ospite del PARI, Polo delle Arti Relazionali e Irregolari nell'ambito della Rassegna Singolare e Plurale 2021, un progetto di Città di Torino e Opera Barolo a cura di Artenne e Forme in bilico.   Palazzo Barolo, Torino 26 ottobre - 8 dicembre 2021 Opening martedì 26 ottobre dalle 17.00  alle 20.00 con prenotazione obbligatoria attraverso il link: https://fantin-opening.eventbrite.it Performance: 4, 5 e 26 novembre...
  • ETICHETTE! STORIA E DESIGN NEL MONDO DEL VINO dal 22 OTTOBRE A PALAZZO BAROLO!

      Dal 22 ottobre Palazzo Barolo racconterà nelle proprie cantine la storia del vino, attraverso l’esposizione di oltre 300 etichette storiche. La più ampia collezione temporanea mai proposta, che rappresenta, in realtà, una piccola parte dell’ampia collezione di 282 mila pezzi conservata presso il Castello di Barolo (www.wimubarolo.it). Le etichette selezionate per il grande appuntamento torinese si concentrano sugli aspetti grafici, artistici e di design, che rendono l’etichetta uno strumento godibile e accattivante,...
  • CHIACCHIERE TRA BALLI E SALOTTI - IL 19 SETTEMBRE A PALAZZO BAROLO!

      Palazzo Falletti di Barolo nella giornata del 19 settembre organizza una visita particolare per riscoprire la vita quotidiana, gli usi e i costumi di una famiglia aristocratica nel Piemonte sabaudo. Grazie alla collaborazione con il Gruppo Storico “Nobiltà Sabauda” la visita agli appartamenti storici sarà animata da balli e scene teatrali, che permetteranno di rivivere feste e ricevimenti all’interno di una residenza nobiliare piemontese.Se le accademie sono sempre stati centri di aggregazione maschile, a partire dal...
  • OBIETTIVO. DALL’ACQUARIO ROMANO ALL’OPERA BAROLO

    Dopo la tappa a Roma e la mostra all’Acquario Romano, Obiettivo verrà ospitata presso l’Opera Barolo. È per il progetto un passaggio simbolico in un luogo che, con il suo miglio del sociale, è un modello di innovazione sociale in Europa da duecento anni: Luciano Marocco, Presidente dell’Opera Barolo «La faglia delle diseguaglianze è sempre più ampia. L’Opera Barolo nasce da visionari innovatori sociali che hanno dedicato la loro esistenza, il loro patrimonio valoriale ed economico alla costruzione di una...
  • IN VILLEGGIATURA A PALAZZO - Rassegna di concerti e performance

      Forte di questa esperienza, Palazzo Barolo propone per l’estate 2021 “In villeggiatura a Palazzo”: rassegna di musica, concerti e performance. L’iniziativa cerca di promuovere la convivialità, la gioia di tornare a stare insieme, pur nel rispetto delle norme sanitarie. Ecco allora un palco prestigioso, nella cornice del cortile di Palazzo. L'iniziativa vuole essere anche un modo per sostenere chi, come gli artisti e gli operatori dello spettacolo, ha pagato di più durante la pandemia.  Insieme con l'Opera Barolo...
  • VIATICO A CORTE, PROROGATO IL PRESTITO A PALAZZO BAROLO

      La Città metropolitana di Torino ha prorogato il  prestito a Palazzo Barolo del quadro "Viatico a corte" che dal febbraio 2019 è  esposto al pubblico nei saloni  del prestigioso palazzo Falletti di Barolo nel cuore di Torino. Il dipinto, restaurato a cura  della Fondazione Opera Pia Barolo, raffigura il salone d’ono-re di Palazzo Faletti di Barolo ed è l'unica fonte iconografica  dell’epoca di Giulia Colbert, Marchesa di Barolo: risale al 1865 ed è...
  • PARI, POLO DELLE ARTI RELAZIONALI E IRREGOLARI DI PALAZZO BAROLO RASSEGNA SINGOLARE E PLURALE 2021

    Un progetto di Città di Torino e Opera Barolo, a cura di Artenne e Forme in bilico  Il PARI pone sempre grande attenzione alle problematiche del presente, ne accoglie le istanze e si offre come spazio di comunicazione, elaborazione per una consapevolezza dei fenomeni e dei comportamenti, sociali e culturali. Le quattro mostre - in programma per la primavera del 2021 - indagano vissuti e strategie di sopravvivenza di artisti emergenti, professionisti e outsider nell'affrontare in modo creativo il trauma da pandemia e il lockdown. Espressione...