I Cellanti 04.02.2024, a Cuneo i detenuti sono… Liberi di coltivare

Per il 160 anni dalla morte della fondatrice, la marchesa Giulia di Barolo, l’Opera omonima di Torino, realtà dedita alla cultura e alla carità, ha organizzato un ciclo di conferenze a tema carcere. L’intervista con monsignor Roberto Repole, arcivescovo della città e presidente per questo triennio dell’Opera Barolo.

Il Caffè Palombini a Roma è un’impresa di ristorazione e catering che non dimentica i più fragili: grazie all’incontro con l’associazione “Seconda Chance” che si occupa di reinserimento al lavoro di detenuti ed ex detenuti, ha finora assunto 4 persone provenienti dal carcere. Le testimonianze del titolare Andrea Palombini e di Pietro Sabelli, ex detenuto che da due anni lavora con loro.

“Liberi di coltivare” è il nuovo progetto di agricoltura sociale al via nella casa circondariale del Cerialdo, Cuneo, che impiegherà 7 detenuti nella serra e nell’orto, grazie alla collaborazione tra Open Baladin e Joinfruit. Il racconto del patron di Open Baladin Cuneo, Elio Parola.

 

 

 

 

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy